Geco comune

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Tipico Geco comune immortolato su una parete di una casa Tipico Geco comune immortolato su una parete di una casa

NOME SCIENTIFICO: Tarentola Mauritanica

DESCRIZIONE: Chiamata anche Tarantola muraiola, è il geco più comune lungo circa 10-16 cm, caratterizzato da una grossa testa triangolare e appuntita, con grandi occhi con pupilla verticale; il corpo è tozzo con coda conica più lunga rispetto al corpo; la testa e il dorso sono ricoperti di tubercoli; gli arti hanno delle ventose sulle dita, per permettergli di arrampicarsi su superfici lisce, quali anche i vetri delle case; solo due dita, il terzo e il quarto, hanno le unghie. La colorazione dorsale è sul grigio chiaro, con macchie bruno-grigie, mentre sul ventre è biancastro. La coda, se persa, può rigenerarsi per autotomia e anzichè avere i tubercoli, come in principio, rimane liscia. I suoi colori cambiano a seconda della luce.

BIOLOGIA E HABITAT: E' una specie attiva sia di giorno, nelle giornate di sole invernale, che di notte al crepuscolo. E' territoriale, infatti non si riesce a trovare più di 5 esemplari nello stesso areale; la si può osservare mentre cattura le sue prede, quali insetti notturni, tra cui farfalline, mosche e zanzare. Un esemplare adulto riesce a catturare oltre 2000 zanzare in una sola notte. Il suo habitat ideale comprende muri a secco, muri di vecchi edifici, rovine, abitazionipietraie, cantieri, tronchi d'albero, legnaie, tetti ecc. In genere va in letargo da Novembre sino a Febbraio-Marzo. Se non viene disturbato riesce a convivere nelle abitazioni abitate dall'uomo, in quanto sia totalmente innocuo. In Sardegna è presente su tutto il territorio, tranne le zone di alta quota.

RIPRODUZIONE: Il maschio essendo territoriali ingaggia brutali lotte conn i rivali, specialmente durante il periodo riproduttivo, che avviene intorno alla primavera-estate. La femmina può deporre 2-3 uova tra anfratti o legnaie, che si schiuderanno dopo circa 4 mesi.

MINACCE: Gli incendi e la riduzione del proprio habitat.

STATO DI CONSERVAZIONE: Protetto dall'Allegato III della Convenzione di Berna e dalla Legge Regionale del 1998.

CLASSIFICAZIONE SCIENTIFICA:

  • Phylum: Chordata
  • Classe: Reptilia
  • Ordine: Squamata
  • Famiglia: Geconidae
  • Specie: Tarentola Mauritanica

NOME IN SARDO: Tattaruledda, telacucu, ceneréntula, atiligugu.

Letto 620 volte Ultima modifica il Giovedì, 27 Ottobre 2016 15:27