Tortora dal collare orientale

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)
Tortora dal collare orientale appostata su un filo della corrente Tortora dal collare orientale appostata su un filo della corrente

NOME SCIENTIFICO: Streptopelia Decaocto

DESCRIZIONE: il corpo ha una colorazione geenrale più chiara e omogenea rispetto alla tortora comune, brunastro chiaro; non sono presenti macchie sulle ali; la testa è piccola e grigia, più scura sul vertice e sulla nuca; l'iride è rossiccia e il contorno perioculare è bianco; il becco è grigio con cera scura; sul retro e nei lati del collo ha un anello scuro con il bordo bianco, interrotto sul davanti (da qui appunto dal collare orientale); le ali sono appuntite e di media lunghezza, color grigio brunastro, più scure rispetto al dorso; la coda ha margine arrotondato, semi-corta; la sottocoda ha la base bruno-scuro con i margini grigio chiari; le zame sono rosate. Non è presente alcun dimorfismo sessuale. Le dimensioni variano da 26-30 cm per 50-54 cm di apertura alare. Streptopelia, significa che porta la collana.

BIOLOGIA E HABITAT: vive presso orti e giardini di varie località sarde. Specie introdotta nell'isola in cattività,dove alcune coppie, liberate per caso, si sono moltiplicate. Una delle prime colonie di grosse dimensioni resta quella di un boschetto di conifere presso l'Istituto Caseario vicino a Bonassai (SS), ma è abbastanza presente anche qui in Ogliastra. La specie è semidomestica e talvolta convive con i piccioni cittadini. La sua dieta consiste in semi, frutta, erbe, insetti e piccoli invertebrati.

RIPRODUZIONE: il periodo degli accoppiamenti ha inizio a Marzo e si protrae sino a Settembre dove la femmina depone le sue 2 uova, che cova 14-16 giorni, in un nido costruito sugli alberi, tra le siepi o i cespugli ecc., ma anche su manufatti, come piloni, tettoie, impalcature ecc. I giovani prendono il volo dopo 17-22 giorni dalla schiusa.

MINACCE: predazione su uova e pulli da parte di predatori naturali, come il cane e il gatto, parassitosi polmonari, uccisioni illegali e disturbo venatorio.

STATO DI CONSERVAZIONE: specie protetta dalla Legge Regionale del 1978 e dalla Direttiva Uccelli. Localizzata ma presente anche in numerosi centri urbani, a stretto contatto con l'uomo. Dal 1995 al 2000 è apparsa in sempre più netta espansione, soprattutto nei borghi costieri di tutta l'isola. Sembra che la sua presenza sia dannosa per la Tortora comune, specie tipica e più interessante.

CLASSIFICAZIONE SCIENTIFICA:

  • Phylum: Chordata
  • Classe: Aves
  • Ordine: Columbiformes
  • Famiglia: Columbidae
  • Specie: Streptopelia Decaocto

NOME IN SARDO: Truvamassaju, trùtture, trùtturi.

Letto 362 volte
Altro in questa categoria: « Sparviere Gruccione »