Lunedì, 25 Luglio 2011 23:11

USSASSAI

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

COMUNE DI USSASSAI

 

Ussassai-Stemma

Altitudine 710 m s.l.m.
Superficie 47,30 Km2
Abitanti 579 (01-01-2015)
Densità 12,24 ab./Km2
CAP 08040
Prefisso 0782
Cod. ISTAT 105022
Cod. Catasto L514
Nome abitanti Ussassesi
Patrono San Giovanni Battista
Festivo 29 Agosto
Sindaco Gian Basilio Nicolino Deplano (31-05-2015)
Sito web http://www.comune.ussassai.og.it/

Situato sulle pendici del complesso montuoso di Arcuerì, lungo il versante di Perd'e Craru, il paese, con i suoi 579 abitanti, è il più piccolo dei paesi della Barbagia di Seulo. Ha un'estensione territoriale di 4.730 ettari, con un dislivello di metri 807.

E' la "porta" naturale dell'Ogliastra, con la quale confina (confermato dal toponimo Genn'Ogliastra al confine con l'agro del comune di Ulassai). Il suo territorio, ha una forma allungata da nord verso sud ed è molto montuoso. Tra le cime dei monti ed i fondo valle vi sono grandi dislivelli, con versanti spesso ripidi e scoscesi. Sono presenti essenzialmente due tipi di rocce: il basamento è costituito da materiali di natura scistosa, sopra i quali si sovrappongono rocce calcaree, separati da un sottile strato di arenarie. Rari sono gli affioramenti di altre rocce, limitate a qualche frammento di roccia porfidica di colore rossastro.

Gran parte di terreni scistosi non coltivati sono coperti da arbusti e macchia mediterranea (corbezzolo, filliera, cisto, quercia da sughero, etc. ). Frequentemente è pure il lentischio da cui, in passato, veniva estratto un olio speciale detto ogliu stincinu. Nei tacchi prosperano, invece, fitti boschi di lecci misti a erica, ginepri, agrifogli, tassi, e altri ancora, dove si possono incontrare, ancora in discreto numero, cinghiali, mufloni, volpi, donnole, gatti selvatici. Numerosi sono anche uccelli come pernici, colombacci, falchi e alcune aquile che, ultimamente, sono tornate a nidificare nei torrioni calcarei del Taccu Mannu.

Il nome Ussassai, secondo una tradizione locale, sarebbe da attribuire ad un certo Marco Usai, un porcaro che si sarebbe stabilito li per l'abbondanza delle ghiande. Secondo Massimo Pittau potrebbe derivare dal termine preromano Ossassi, nome che indica la stachide, pianta endemica sarda. Secondo altri Ussassai (Ussassa in sardo) vorrebbe dire "al di qua de s'assa". "Assa" significa rupe, parete rocciosa, burrone. In contraposizione con Ulassai, paese confinante che starebbe Ul-assa: al di là della rupe.

Alcune domus de janas d'epoca Neolitica (Aurràci, Perdobia, Fòrrus), assai modeste e semplici; dodici nuraghi, a volte associati a tombe dei giganti o circondati da resti di esegui villaggi. Numerose sono le risorse naturali del territorio di Ussassai: estesi boschi, sorgenti, che alimentano ruscelli e torrenti che si riversano sul rio S. Gerolamo, grotte e cavità carsiche. Di particolare interesse è Su pissu 'e Irtzioni. Un vero paradiso per gli appassionati di trekking, birdwatching e freeclibing. E' composto da torrioni calcarei ricoperti da un fitto bosco, scavato da ruscelli torrenziali e dal rio S. Gerolamo, ricco di sorgenti, tra cui le più importanti sono quelle di Niàla, S'orgiola 'e Amberda, Su Tuvu Nieddu. E', inoltre, attraversato dalla linea ferroviaria delle Fds.

Paolo Concu

Ogliastra, Antica Cultura - Nuova Provincia, i Paesi

Mediateca Ogliastrina

Letto 19958 volte Ultima modifica il Sabato, 12 Marzo 2016 10:08
Altro in questa categoria: « URZULEI VILLAGRANDE STRISAILI »