Lunedì, 25 Luglio 2011 22:50

CARDEDU

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

COMUNE DI CARDEDU

 

Cardedu-Stemma

Altitudine 49 m s.l.m
Superficie 32,33 Km2
Abitanti 1849 (01-01-2015)
Densità 57,2 ab./Km2
CAP 08040
Prefisso 0782
Cod. ISTAT 105004
Cod. Catasto M285
Nome abitanti Cardedesi
Patrono SS Pietro e Paolo
Festivo 29 Giugno
Sindaco

Matteo Piras (05-06-2016)

Sito web

http://www.comunedicardedu.it/

In Ogliastra, una specie di parco naturale con altipiani e pianure, laghi artificiali e fiumi torrentizi, foreste e boscaglie, spiagge, tonneri e "taccus", lungo la costa è situato un piccolo centro: Cardedu, sorto in seguito all'alluvione di Gairo del 1951, per diventare poi frazione di questo e quindi, nel 1984, comune autonomo. Parte di Gairo si è quindi trasferita là dove, secondo la ricostruzione degli storici, esisteva un insediamento degli antenati dell'attuale Gairo.

I duemila ettari di terreni appartenenti al Comune, ricchi di vegetazione mediterranea e di boschi secolari, con faune e flora uniche, formano un complesso naturalistico eccezionale ruotante intorno al "Monte Ferru" (875 mt s.l.m.) che si specchia nel mare e dove si può arrivare a piedi o in automobile, attraverso vecchi sentieri dei caprai e dei carbonai.

Il mare, con fondo sabbioso e un litorale che alterna piccole insenature a distese di sabbia, scogli, sassi e porfidi rossi a calette incantevoli, crea un paesaggio vario che sopravvive incontaminato e selvaggio. Il mare di Cardedu ha il pregio di essere il posto preferito dai surfisti per il buon vento di scirocco tra i 10 e 15 nodi.

L'agricoltura continua ad essere, come lo era nel passato, un settore importante, forse quello principale, per i terreni fertili della piana. E' facile trovare i prodotti tipici di questo settore: arance, pesche, uva (e quindi vini), miele, formaggio, "casu 'e fitta", "casu agedu", e il latte, dal sapore delicato e dal profumo intenso. Sopravvivono gli artigiani del legno e del ferro. Cardedu possiede anche dei beni archeologici quali nuraghi, "Domus de Janas", un pozzo sacro ("Su Presoneddu").

Non ci sono monumenti storici, stante la giovane età del comune, a parte l'antichissima chiesette campestre della Madonna di Buoncammino, per cui il paese ha adottato la piazzetta, caratteristica e unica nel suo genere, quale centro e salotto del paese. Cardedu poco frequentata d'inverno, si anima d'estate, fino a diventare per due mesi il punto di riferimento per residenti e ospiti/turisti, grazie anche alla manifestazione "insieme a Cardedu", che si svolge al suo interno e durante la quale vengono proposti spettacoli che spaziano dalla musica alla danza, al teatro e al folklore. Specialità gastronomiche sono i "culurgiones", il "gattò" e gli "amaretti" (dolci tipici locali).

 

Alberto Cossu

Ogliastra, Antica Cultura - Nuova Provincia, i Paesi

Mediateca Ogliastrina

Letto 19630 volte Ultima modifica il Lunedì, 13 Giugno 2016 19:39
Altro in questa categoria: « BAUNEI ELINI »