Intrecci

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

di Federica Rosa

 

Tutto ebbe inizio in quel giorno di un autunno non ancora definito dal tempo, un ventidue settembre del 1947, quando l'aria sapeva ancora di guerra e di rinascita.

Piantai il seme della vita mia in una terra d'infanzia presto pronta ad essere terra di ricordi e vini, alberi e fronde, olivi così grandi da sottolineare la mia piccolezza di bimbo rosso e tenue, ruscelli, montagne e neve, sole, vento, paura, natura, natura, natura.

Intrecciavo pensieri di fuga con i rami della mia stabilità, intrecciavo il futuro col presente, con la sapienza solita di chi cerca per sapere, di chi scappa per imparare.

Spezzai d'un tratto quei rami, senza rimorsi o dubbi; deciso, come un albero che non vuole radici e foglie, mi buttai a capofitto in quel vortice chiamato esistenza che giorno dopo giorno mi legò ad altre vite, altri nodi, nuove storie, accenti e facce, città tante, natura nuova e poi d'improvviso io stesso nuovo e altro legato, intrecciato, annodato, mescolato e infine padre.

Conobbi così il secondo giorno di una fredda primavera il mistero della creazione, un nuovo ramo stringevo forte al petto mio; piangeva forte di distacco e di vita, lo intrecciai alle mie mani di giovane uomo, non più bambino o seme ma tronco forte, pilastro della vita sua.

In quest'Ogliastra, terra aspra e pura, dove i monti hanno l'odore del mare invernale e gli sguardi delle persone son più profondi dell'anima di un dio, io invecchiai intrecciando, raccogliendo, tagliando, osservando e chiudendo, questi esili rami di legno chiaro, raccolti nella solitudine di pomeriggi soleggiati quando i pensieri non danno tregua e la natura ti assiste.

Intrecciavo per diletto e come metafora della vita mia.

Riunivo parti distinte di alberi fino a creare la magia di un nuovo figlio: cesti capienti come ventri di donna, rotondi e accoglienti, piccoli e perfetti da prendere per mano e portare via, verso i sentieri che conducono ai frutti più maturi, ai funghi più rari, lontano, là, dove la roccia diventa terra e il cielo assomiglia all'infinito.

Lontano.

Come me da me, vicino, anzi vicinissimo, attaccato, a voi figlie mie.

Per voi, figli miei, mani arcaiche di intrecci tradizionali, che protendono fili d'albero a un futuro incerto.

Incerto e vero come la mia memoria che ancora intreccia e tesse in un continuo e incessante divenire; che guarda indietro per camminare avanti e intrecciare mani come rami di queste vite fatte ad albero piene e intricate come i miei cesti e i miei pensieri.

 

Letto 1487 volte Ultima modifica il Lunedì, 08 Dicembre 2014 14:43