fbpx
Dania Lai

Dania Lai

Mercoledì, 01 Febbraio 2017 11:31

Succiacapre

NOME SCIENTIFICO: Caprimulgus Europaeus

DESCRIZIONE: nelle leggende nostrane, il Succiacapre è definito come un "vampiro", ma in realtà è un uccello notturno. Ha le dimensioni di un merlo, la testa è grande, piatta e corta con il becco molto largo, molto utile per catturare le prede, circondato da peluria nella sua base; ha le zampe corte con il dito medio più lungo rispetto alle altre; il piumaggio è grigiastro con varie striature sia chiare che scure; ha ali lunghe e strette, dove il maschio presenta della macchie bianche e apice delle timoniere esterne della lunga coda sono bianchi, mentre quelle centrali sono scure e marroni. Le femmine non presentano segni distintivi particolari. Quando è in volo sembra più grosso con caratteristiche falchiforme.

BIOLOGIA E HABITAT: preferisce stare in ambienti aperti, asciutti con clima temperato dove è presente sufficiente cibo. Ama stare anche nelle brughiere, zone rocciose e sabbiose con macchia mediterranea, lecceti leggeri. Di giorno sta spesso sul terreno, con la testa e le zampe ritratte e si appiattisce tra i rami. Caccia essenzialmente durante la notte, dove si orienta con gli occhi e prende la sua preda al volo con il becco spalancato, di rado caccia dal posatoio. Si ciba di insetti notturni tra cui Lepidotteri, più grandi e dalla cuticola più morbida e i Coleotteri, più duri. Ha un volo leggero e vivace: spesso si fa trasportare dal vento, alternando con profondi battiti d'ali. Come il Gheppio, anche il Succiacapre si libra a fare lo "spirito santo". Nella parte finale del volo atterra direttamente sul tronco, come il Picchio muratore. È protagonista della tradizione popolare, dove spesso viene attribuito al potere di transitare le anime nell'aldilà. Il suo nome diviene da una credenza dei pastori, i quali, vedendole posate in mezzo alle greggi, intenti a mangiare gli insetti che circondavano gli escrementi, essi pensavano che stessero succhiando il loro latte. In realtà, la denominazione è più appropriata riguardo al fatto che le greggi attirano insetti che succhiano sangue e automaticamente attirano questi uccelli, di cui si cibano.

RIPRODUZIONE: le coppie si formano solo durante il periodo di riproduzione, in cui la femmina depone le uova su un sottosuolo privo di vegetazione e asciutto che cova per 18 giorno. Non nidificano. I giovani una volta nati volano via dopo essersi autonomizzati.

MINACCE: abbandono delle aree agricole di tipo estensivo, sviluppo urbano, abuso di pesticidi, disturbo antropico.

STATO DI CONSERVAZIONE: specie particolarmente protetta dalla Direttiva Uccelli.

CLASSIFICAZIONE SCIENTIFICA:

  • Phylum: Chordata
  • Classe: Aves
  • Ordine: Caprimulgiformes
  • Famiglia: Caprimulgidae
  • Specie: Caprimulgus Europaeus

NOME IN SARDO: Passaidrotta.

Lunedì, 30 Gennaio 2017 10:50

Biancanì

NARRATORE: In ci fudi, una ia, una picciochedda meda furtunada, ma meda furtunada. Su babbu si fu mortu, sa mamma si fu morta, is issusu mortus tottusu peri cussusu. E is amighigeddusu de iscola? Unu legiu incidenti cun su carrucciu e...tottus mortusu. Peri is macittus nieddus, candu biianta Biancanì, faianta is corrusu. Biancanì biviada cun sa matrigna e cun calencuna bestioledda: dus preugusu, unu pigioni e unu calluceddu. Fù bianca che sa nì e pudesciada che pisci mortu. Cussa narada sempri:

BIANCANEVE: "Ah! Ta bella furtuna chi tengu, soi propriu una picciochedda furtunada e puru meda bella!".

ANIMALETTI: "Giai esti aberu, ma comenti ti muttianta a pitticca: miss modestia? Castia ca non sesi mancu sa regina...e poberitta peri cussa con tottu su bagagliu chi si depidi tragai...!!".

NARRATORE: Una dì sa irdia andada accant'e su sprigu e di narada:

MATRIGNA: "Sprigu, sprigu...".

SPECCHIO: "Oh! Itta bolisi?".

MATRIGNA: "Uè, sprigu, castia ca deu ti scioppu in quattru unconisi e mi 'ndi frigu dei settis annusu de malasorti!".

SPECCHIO: "Ah, po cussu mi adessi deppiu segai de sa prima ia chi t'appu ittu!".

MATRIGNA: "Castia, esti poitta ti appu pagau meda, o ci nono...Ascurta, tu deppu pediri ur cosa: e cini esti sa prus bella 'e su regnu?...e cicca de non ni scimproriusu!".

SPECCHIO: "Tui giai ses bella, ma spatulada in forasa. a giogai a baccareddasa, 'nc esti Biancanì, chi esti prus bella 'e tui...e sfidu eu! Ci 'ndi olidi de coragiu a ti castiai...!!".

MATRIGNA: "A giovana deu puru fui un incantu!".

SPECCHIO: "Eh, appu cumprendiu, tottusu abbarranta a bucca aperta...".

MATRIGNA: "Certu, spalancada, e cun sa manu in su coru!".

SPECCHIO: "A morolla, passas tui e i dis calada un arraiu, de cantu fusti legia!".

NARRATORE: Sa irdia, tandu, imtidiosa, mandada a muttiri su cassadori.

MATRIGNA: "Su cassadori...su cassadori...".

CACCIATORE: "Oh! Itta olisi? M'asi fattu fuiri unu pigioni mannu cantu una furca! Castia ca manca: siada serrada sa cassa manna deu deppu biviri su propriu!".

MATRIGNA: "Ascurta, mi deppisi fai unu prageri...".

CACCIATORE: "Ehhhhhhh?!?!?!".

MATRIGNA: "Eti du pagu beni! Deppisi 'attiri Biancanì in su boscu e di deppisi tirai su coru, s'atru ti du podis peri tenniri...ma cicca de non ti da pappai a crua ca esti unu pagu ageda!!".

CACCIATORE: "Ascurta, Bianca...Bianca...Bianca....".

BIANCANEVE: "...nì!!!".

CACCIATORE: "Eh, tui! Deu, po ordinis primus, ti deppu 'occiri e ti 'ndi tirai su coru. De s'atru 'ndi faccu casu agedu po mamma mia ca esti sdentiada".

BIANCANEVE: "Non mi 'occiasa! Da 'nci tengu genti importanti meda amigu e calincunu favori cussu puru mi du deppidi. Tandu non ci oli nudda ca ti faccanta unu omini influenti".

CACCIATORE: "Va bè, deu giai ti lassu biviri ma ca non ti subenisi de cussu chi m'asi promittiu, castia ca sa mamma mia tenidi sempri famini! Ma a sa matrigna itta di contu?".

BIANCANEVE: "Ascurta piga custu preugusu chi funti sartandu in conca mia de candu soi nascia e battisiddusu".

CACCIATORE: "Ah, chi tu naras tui...?".

NARRATORE: Appusti pagu tempusu, Biancanì intendini:

LUPO: "Uuuuuuuuuu, soi su lupu e soi ciccandu a berrittedd' orrubiu".

BIANCANEVE: "E tui eitta nc'imbuccasa, deu soi Biancanì!".

LUPO: "Uuuuuu, scusami, appu sbagliau storia".

NARRATORE: Prus 'a tardu, Biancanì, bidi, intrammesu a is mattasa, un 'ommigedda pitticcheddedda pitticcheddedda. In c'imbucada allestru allestru e, a intru, agattada: setti tassigeddasa, setti lettigeddusu, quattru arrasigadentisi, e tres dentierasa poitta a tres nanusu i dis mancanta is dentisi. Biancanì si 'nci papada mesu cantina e andada a si 'nci corcai ma 'ndi oddidi una scerbeddada in conch' e lettu e prus che essiri ormia, abbarrada ammortia. De tesu s'intendidi:

NANI: "Po, po, po, po....beneusu 'e traballai, po, po, po, po...".

NARRATORE: Finalmenti i settis nanusu erribanta a domu. 

NANO 1: "Deu soi Giuanniccu".

NANO 2: "Deu soi Gigginu".

NANO 3: "Deu soi Chicchinu".

NANO 4: "Deu soi Periccu".

NANO 5: "Deu soi Antoniccu".

NANO 6: "Deu soi Peppeddu".

NANO 7: "Deu soi Mariucciu".

NARRATORE: Giai imbucandu in sa porta is nanusu s'accattanta ca in domu esti imbucada genti strangia.

NANO 1: "E chin'à pappau in su prattigeddu miu?".

NANO 2: "E chin'à buffau in sa tassigedda mia?".

NANO 3: "E chin'ad' impreau sa furchittedda mia?".

NANO 4: "Ci gassu chini si 'ncià sticchiu a bucca sa dentiera du pigu a scoffadar de peisi!".

NANO 5: "E chini esti cussu schifu 'e cosa chi si 'n c'esti corcada in su lettigeddu miu?".

NANO 6: "Paridi una mammaderra!".

NARRATORE: Biancanì si 'ndi scidada e narada:

BIANCANEVE: "Oddeu, e custusu impriastusu?!".

NANO 7: "Giai ses bella tui ca parisi morendudì de unu mumentu a s'atru! E commenti ti mutisi?".

BIANCANEVE: "Deu soi Biancanì e non tengu unu logu accantu mi 'nci sticchiri".

NANI: "Nosu seusu is nanusu e teneus 'abbisongiu de una seracca: non 'e ca tui olisi abbarrai cum nosu? 'Iasa deppiri sciaccuai is prattus, pranciai, limpiai in terra, marrai in s'ortu, coginai, acconciai s'orrobba, e chi t'abbarranta cincu minutusu, podis benniri cum nosu in miniera".

BIANCANEVE: "Ah, soi propriu una picciocchedda furtunada, ma meda furtunada!!!".

NARRATORE: Moi, is nanusu, tenianta s'abitudini de si 'nci pesai a coidu e de si 'nci corcai cum is puddasa, d'ogniunu cum sa sua po essiri in cumpangia. Su sabadu, invecisi, abbarranta scidusu finciasa a tardu po s'arracontai istorias. Ma Biancanì, ca fudi prepotenti e arrancida, oliada fairi coidandu is cumandusu po si 'nci corcai e is nanusu 'nci abbarranta sempri mali. Una dì, sa irdia, estia de beccigedda, andada accant'e Biancanì e pistada in sa porta:

BIANCANEVE: "E chini dimoniu esti a cust'ora?".

VECCHIA: "Soi sa beccigedda...".

BIANCANEVE: "Ah, sa nonna 'e Berrittedd'orrubiu!".

VECCHIA: "No, asi sbagliau storia: deu soi sa beccigedda 'e Biancanì! Aperi mì sa porta ca t'appu 'attiu una bella mela orrubia orrubia!".

BIANCANEVE: "Arracc'e gentilesa, deu soi in su boscu de degi annusu, e peri cum sa propriu mudanda, dognia dì pappu mela e tui itta mi 'attisi: una mela! Ma, lassaus perdiri, donamidda su propriu custa mela, chi nonu custa storia non fini prusu!!!!".

NARRATORE: Sa irdia di 'onada sa mela e si fuidi coidandu. Biancanì si 'nci furriada a terra coment'e morta. A sa smericiada, in su boscu, s'intendidi:

NANI: "Po, po, po, po...beneusu 'e traballai, po, po, po...".

NARRATORE: Furinti cussusu setti tontusu de is nanusu chi torranta a domu. Candu binti Biancanì nanta:

NANO 1: "Oh Biancanì, a narri ca i ses morta!".

NANO 2: "Ah, bella scena, e moi chini ada sciacquai is prattusu?!?".

NANO 3: "Biancanì, e fusti peri b...ella...!"

NANO 4: "Ma tenias unu pitticcu difettu!".

NANO 5: "E naraddi pitticcu: fu difettu mannu meda! Nosu tottusu sa dì a traballai in miniera e custa a si scorporai in domu. E mela, e pira e fà cum lardu, e presuttu, e casu marzu, e binu, e caboniscus de linna e dogna corp'e balla!".

NANO 6: "E fusti sempri afoginada in su lettigeddu miu!".

NARRATORE: Is nanusu a dogna contu fainti una tumb'e birdi e 'nci sticchinti a Biancanì. Passanta degi annusu. Una dì erribada su principi...

PRINCIPE: "Saludi picciocheddusu! Aub'esti Biancanì?".

NANO 7: "Ca fusti tontu d'isciausu giai, ma ca fusti peri insurpu nonu! No du bisi, cancioffa tontu, ca esti in cui, corcada?".

PRINCIPE: "Oh, Biancanì non mi lessisi, non ti morgiasa, non mi faccas custu!".

BIANCANEVE: "Puh, ma itta as pappau, cibudda pudescia?!? Tocca ca mi 'nc 'es torrandu su scimingiu!".

NARRATORE: Tandu Biancanì si 'nci moridi una ia po sempri, su principi pigada su cuaddu e faidi po si 'nci torrai e andai, ma su cuaddu si 'nci speada, orruidi a pissu 'e is nanusu ca morinti alladiausu e peri su lupu, torrandu 'e su boscu, si 'nci pappada su principi e tottusu si 'nci morinti tristus e nieddusu.

Lunedì, 30 Gennaio 2017 10:11

Donna Maria Merriola

Un tempo ad Urzulei e nel territorio circostante ci fu una grande carestia. I contadini, poichè da anni non pioveva, non trovavano neppure erbe da mangiare. Si nutrivano con alcune radici ed un pezzetto di pane di ghiande.

La situazione divenne più triste quando anche le ghiande cominciarono a scarseggiare. I pastori se la cavavano un pò meglio perchè ogni tanto uccidevano qualche pecora e potevano cibarsi delle sue carni, ma neppure per loro la situazione era buona. Le pecore trovavano assai poco da brucare ed erano diventate pelle e ossa come pure gli uomini.

I bambini cominciarono a morire come le mosche, perchè le pecore non davano più latte e non si sapeva come nutrirli. Solo Donna Maria Merriola aveva di che sfamarsi.

Il suo ovile era sull'altopiano ove un pò di erba ancora si trovava e le sue pecore, custodite da un ragazzino che faceva il servo pastore, erano così numerose che, nonostante il pascolo gramo, si riusciva ad avere un pò di latte. Perchè il servo non ne bevesse più di quanto era necessario per sopravvivere, Donna Merriola si recava assai spesso all'ovile.

Prima di tornare in paese caricava sull'asinello una bisaccia con due recipienti, uno pieno di latte da vendere e l'altro vuoto.

Le mamme attendevano ansiose il suo arrivo e, con una ciotola in mano, si accalcavano alla porta della sua casa. Il latte erano l'unico alimento col quale speravano di salvare i bimbi. Donna Merriola lo barattava a caro prezzo.

Quando la mattina giungeva all'ovile, consegnava alcuni pezzi di pane di ghiande al suo servo, poi contava le pecore, per vedere se c'erano tutte; infine si accingeva a prepare il formaggio.
Dopo la mangitura riempiva un recipiente di latte e ripartiva.

Il servo si domandava perchè mai la donna giungesse ogni volta con due bidoni, se il latte che portava in paese poteva essere contenuto in uno soltanto. Poichè la scena si ripeteva ogni giorno uguale, il ragazzo si insospettì e una sera seguì, a debita distanza, la padrona.

Vide che questa, anzichè proseguire diritta per il sentiero che portava a Urzulei, si era fermata ad Orthaddala, dove c'era una pozza d'acqua molto profonda, che tutti ritenevano senza fondo.

Nascosto dietro un cespuglio potè osservare la donna che divideva il latte nei due recipienti poi, con un secchiello, prendeva l'acqua dalla pozza e l'aggiungeva al latte, finchè i recipienti erano colmi.
Terminata l'operazione, la donna caricò sul gracile somaro la bisaccia che era divenuta molto più pesante e riprese la via del paese.

Il servo tornò verso l'ovile senza farsi notare.

Da quando era bambino aveva sempre sentito dire che il peggior delitto che una persona potesse fare era quelle di misturare il latte con l'acqua. Tutto si può perdonare ad un cristiano, anche un delitto fatto in un momento di furore, ma nulla può scusare la mistura dell'acqua col latte, unico alimento di sopravvivenza per i neonati.
Quel tipo di delitto supera tutti gli altri perchè procura la morte a ragion venduta e perchè mette in mostra quanto sia grande la malvagità e l'egoismo di certi individui.

Da quanto tempo Donna Merriola faceva quel lavoro? Il servo non avrebbe saputo dirlo, ma le notizie che ogni tanto gli portavano i pastori che tornavano dal paese non erano buone. Tutti dicevano che i bambini morivano come mosche a causa della denutrizione. E a questo contribuiva la sua padrona!

Il servo andò a trovare il vecchio pastore che aveva l'ovile non molto distante dalla gola di Gorropu.
Trovò il vecchio assai dimagrito, gli occhi erano infossati e cerchiati di scure occhiaie e le guance scarne erano nascoste dalla barba bianca che, lunga e incolta, gli cadeva sul petto.
Pareva un patriarca e tutti gli portavano rispetto e obbedienza. Spesso i pastori gli chiedevano consiglio, perchè era considerato l'uomo più saggio del paese.

Il servo raccontò al vecchio ciò che aveva visto fare alla sua padrona. Questo ascoltò attentamente, senza lasciar trasparire nessuna emozione. 
Solo la ruga che aveva tra le due sopracciglia sembrava ora più profonda come se una lama invisibile premesse con forza contro l'osso della fronte.
Non disse nulla al ragazzo, forse perchè lo riteneva troppo giovane, ma quando questo se ne fu andato, mandò a chiamare a raccolta i pastori della zona.

L'indomani, quando Donna Maria Merriola giunse alla pozza per aggiungere l'acqua al latte, si accorse di essere circondata da una decina di pastori. Invano cercò clemenza negli sguardi severi e accusatori che vide puntati su di sè.
"No...no...", balbettò intuendo le loro intenzioni.
Tentò di indietreggiare, lasciando cadere a terra il secchiello, ma dieci mani l'afferrarono, la legarono saldamente e, incuranti delle sue grida, la gettarono dentro il pozzo.

Se tu passi ancora oggi vedi il suo fantasma. Sta lì, presso la pozza d'acqua, china, con un secchiello e un misurino in mano e misura, misura l'acqua, giorno e notte versandola in due recipienti diversi.
Fa questo lavoro da secoli e se le domandi perchè lo fa, ti racconta la sua storia:
"In su pesu e in sa misura
tristu e miseru a hie urada!".
(Nel peso e nella misura, tristo e misero chi ruba!).

Mercoledì, 25 Gennaio 2017 15:30

Ballerina bianca

NOME SCIENTIFICO: Motacilla Alba Alba

DESCRIZIONE: l'aspetto generale è snello con la coda molto lunga, sottile e squadrata, in continuo movimento (da qui Motacilla); l'adulto in abito estivo ha vertice, nuca, collo e petto neri; l'iride scura; faccia, fronte e guance bianche; le parti superiori sono con dorso e groppone grigi; mentre, le parti inferiori sono bianche; le ali sono di medie dimensionie leggermente appuntite, nere con copritrici macchiate di nero e bianco; la coda è nera con margine esterno bianco; le zampe sono lunghe, sottile e nere; il becco è scuro, lungo e sottile. L'abito invernale è più pallido. La femmina ha colori meno netti sul capo, ma per il resto i generi sono uguali. Il giovane è bianco e grigio, con una mezzaluna scura sul petto e coda più corta rispetto all'adulto. Le dimensioni variano da 18-20 cm di lunghezza per 26-32 cm di apertura alare ed un peso di 16-25 g.

BIOLOGIA E HABITAT: ama le zone aperte, generalmente vicino all'acqua, campi arati, zone coltivate, ma anche centri abitati, dintorni di cascine o alpeggi. La specie è migratoria, ma non nidifica nell'isola. Durante il suo soggiorno in Sardegna frequenta un'ampia gamma di territori e si vede un pò ovunque, alla ricerca del cibo. Si ciba di insetti, ragni e molluschi che riesce a catturare, ma non disdegna il cibo offerto dall'uomo e può anche abituarsi a questa presenza. Ha un portamento elegante e sopporta climi disparati: dalle temperature rigide a quelle più aride. Ha una grande capacità di adattamento, è socievole verso i propri simili. La si può osservare mentre prende una rincorsa per spiccare il suo volo ondulato, oppure appollaiata su canneti, edifici, alberi...Quando cammina sul terreno muove ritmicamente la coda.

RIPRODUZIONE: il periodo di riproduzione avviene tra Aprile e Agosto, dove la coppia costruisce il nido che ospiterà 4-6 uova in cavità di alberi, muri, dirupi ecc..La femmina le cova per una quindicina di giorni, dopodichè una volta schiuse i pulli verranno accuditi da entrambi i genitori sino allo svezzamento dopo 15 giorni.

MINACCE: diminuzione del cibo, inquinamento delle acque, interventi dell'uomo con degrado e distruzione dell'habitat.

STATO DI CONSERVAZIONE: specie protetta dalla Direttiva Uccelli e dalla Legge Regionale del 1978. Abbondante.

CLASSIFICAZIONE SCIENTIFICA:

  • Phylum: Chordata
  • Classe: Aves
  • Ordine: Passeriformes
  • Famiglia: Motacillidae
  • Specie: Motacilla Alba Alba

NOME IN SARDO: Marischedda.

Mercoledì, 25 Gennaio 2017 15:01

Airone cenerino

NOME SCIENTIFICO: Ardea Cinerea Cinerea

DESCRIZIONE: è l'airone più grande d'Europa. Testa e collo sono bianchi con striature nere longitudinali; nel periodo riproduttivo, sottili piume nere dal sopracciglio alla nuca formano su quest'ultima una sorta di aggraziata crestina; l'iride è gialla; il becco anch'esso giallo, è assai robusto, lungo e appuntito; le parti superiori sono grigio cenere; mentre, le parti inferiori sono biancastre; le ali sono grandi, larghe ed arrotondate, color grigio scuro con macchia bianca sul margine anteriore; la coda è molto corta e squadrata; le zampe sono giallo scuro-brunastre. L'iride e il becco, in primavera, appaiono arancio vermiglio. I giovani hanno un piumaggio più grigiastro. Presente un lieve dimorfismo sessuale nelle dimensioni, il maschio è leggermente più grande della femmina. Le dimensioni variano da 90-98 cm di lunghezza per 175-195 cm di apertura alare ed un peso di 1-2 kg.

BIOLOGIA E HABITAT: ama le acque basse salate e dolci, paludi, foci di fiumi, cave di argilla, valli da pesca, boschi di pioppo e salice, laghi artificiali di tutta la Sardegna. La specie è migratoria, ma non nidificante. Si nutre di pesci, rane, girini, bisce d'acqua, crostacei, molluschi, insetti, piccoli mammiferi e piccoli di altre specie di uccelli, trafiggendoli con il suo possente becco. Quando caccia le sue prede, sia il giorno che la notte, si muove lentamente e spesso rimane immobile nella stessa posizione per parecchi minuti. Per cacciare si sposta anche a 10 km di distanza dal luogo di nidificazione o dormitorio. Il suo volo è maestoso, elegante e potente, con battiti d'ala lenti e profondi. Quando spicca il volo il suo collo si ripiega assumendo una forma a "esse".

RIPRODUZIONE: la costruzione del nido inizia a Febbraio, su grandi alberi, tra le canne o sul terreno, nei siti di nidificazione, dove la femmina depone 4-5 uova nel mese di Marzo e covate per 25 giorni. Quando i piccoli vengono alla luce vengono nutriti dalla madre per 50 giorni, ma solo il 60% raggiungerà l'età adulta. Una volta raggiunta l'età adulta possono vivere per circa 24 anni.

MINACCE: trasformazione dell'habitat a causa della tecnica di coltivazione "asciutta", bracconaggio, abbattimento illegale di alberi, disturbo da parte dell'uomo durante lo svernamento.

STATO DI CONSERVAZIONE: specie protetta dalla Direttiva Uccelli e dalla Legge Regionale del 1998. Non numerosa, ma comune e non in diminuzione.

CLASSIFICAZIONE SCIENTIFICA:

  • Phylum: Chordata
  • Classe: Aves
  • Ordine: Ciconiformes
  • Famiglia: Ardeidae
  • Specie: Ardea Cinerea Cinerea

NOME IN SARDO: Garza, menga, mengoni, perdiggiorronadas.

Martedì, 24 Gennaio 2017 11:07

Gallinella d'acqua

NOME SCIENTIFICO: Gallinula Chloropus Chloropus

DESCRIZIONE: Chloropus, dai piedi verdi, per il colore delle zampe. Uccello acquatico di medie dimensioni, dal piumaggio bruno-nero, con strie bianche nei fianchi; l'iride è bruna-rossa brillante; il becco è robusto , rosso con punta gialla, unito ad un largo scudo frontale rosso; le ali sono di media lunghezza, arrotondate; la coda è cortissima e appuntita, tenuta sempre sollevata; il sottocoda è bianco ed evidente; le zampe sono giallo-verdi, con lunghe dita. Particolare ed evidente è la presenza di una "giarrettiera", ovvero un anello rosso posizionato sopra l'articolazione del tarso. I giovani hanno un piumaggio differente da quello dell'adulto: le parti superiori più chiare e quelle inferiori più brune, la gola è bianca, il becco e la placca frontale sono più piccoli e color grigio-verde. Le dimensioni variano da 31-35 cm di lunghezza per 50-58 cm di apertura alare.

BIOLOGIA E HABITAT: il suo habitat è costituito da stagni, piccoli laghi con vegetazione e corsi d'acqua vari. La specie è migratoria e nidificante in Ogliastra. La Gallinella si ciba di insetti acquatici, vermi, piccoli pesci, crostacei e molluschi catturati nei corsi d'acqua e di germogli, semi e bacche.Vive in solitaria, ma capita che si riunisce in gruppi durante la ricerca di cibo. Particolare è il suo modo di nuotare, molto grazioso con movimenti del collo e del capo, mentre in volo risulta goffa e prima di alzarsi in aria, deve compiere una piccola corsetta sull'acqua. Quando si sente minacciata diventa molto rumorosa e assume una posizione eretta, allunga il collo e alza il sottocoda per mostrare le penne. Si può udire il suo forte canto anche quando sta nascosta.

RIPRODUZIONE: il nido viene realizzato tra la vegetazione acquatica, dove la femmina depone da 5 a 9 uova, che cova per una ventina di giorni. Una volta nati i pulli lasciano immediatamente il nido, ma rimanendo per un breve periodo con la madre, sino a raggiungere l'indipendenza.

MINACCE: condizioni climatiche variabili, inquinamento acuto, raccolta precoce di riso, influenza aviaria, botulismo e predazione da parte di gatti selvatici e specie alloctone.

STATO DI CONSERVAZIONE: specie protetta dalla Direttiva Uccelli e dalla Legge Regionale del 1998. Molto comune.

CLASSIFICAZIONE SCIENTIFICA:

  • Phylum: Chordata
  • Classe: Aves
  • Ordine: Passeriformes
  • Famiglia: Rallidae
  • Specie: Gallinula Chloropus Chloropus

NOME IN SARDO: Puddha 'e abba, giaddhìna d'eba, pudda 'e modde, pudda 'e abba, pudda 'e riu.

Martedì, 24 Gennaio 2017 10:30

Venturone corso

NOME SCIENTIFICO: Serinus Citrinella Corsicana

DESCRIZIONE: Citrinella, per il suo colore giallo citrino. Recentemente è stata riconsiderata come vera specie e non più solo varietà sardo-corsa del Venturone Europeo (Serinus Citrinella Citrinella). Fringillide di aspetto paffuto, leggermente più piccolo della specie tipica. Il maschio ha un colore generale del corpo, in estate, verde giallastro; vertice, nuca e lati del collo grigio cenere; fronte, aree intorno al becco, mento e gola giallo-verdi; l'iride è nera; ha un grosso becco conico, bruno scuro; le parti superiori hanno il dorso marrone-rossastro, striato leggermente di nero e il groppone è verde-oliva; le parti inferiori sono grigio cenere e giallo-verde più chiaro; le ali sono acute e di medie dimensioni, brune e nere, con doppia barra alare verde oliva; la coda è bruno-nera, squadrata, un pò lunga; le zampe grigio scuro, corte, con 4 dita lunghe, munite di sottili unghie. La femmina ha una colorazione meno marcata, sul brunastro. I giovani hanno le parti superiori brune con striature nere e quelle inferiori sono come quelle degli adulti, ma con sfumature fulve. Dopo un anno di vita presentano il piumaggio adulto. La specie presenta dimorfismo sessuale stagionale in estate, mentre in inverno, entrambi hanno un abito più modesto, sul brunastro e sono più difficili da riconoscere. le dimensioni variano da 13-14 cm di lunghezza per 23-24 cm di apertura alare.

BIOLOGIA E HABITAT: ama stare in boschi aperti di collina e montagna sino ai 1.500 m di quota in tutta l'isola, terreni rocciosi con cespugli e arbusti, brughiere, ginestreti, ma anche presso le coste. La specie è stazionaria e nidificante. Durante il periodo riproduttivo ama la vita in solitario, mentre fuori dalla stagione degli amori sta riunito in gruppi di individui della stessa specie. Si nutrono prevalentemente di semi, come i pinoli di Pinus Nigra, germogli e piccoli insetti, catturati nel terreno o sugli alberi.

RIPRODUZIONE: si riproduce in primavera, dove compiono un rituale volo nuziale danzante e caratterizzato dal canto. Della costruzione del nido se ne occupa la femmina, dove depone 4-5 uova. Le uova, di colore azzurro, vengono covate sempre dala femmina e una volta schiuse, a prendersi cura dei pulli sono entrambi i genitori.

MINACCE: alterazione e riduzione della macchia mediterranea e delle brughiere.

STATO DI CONSERVAZIONE: specie protetta dalla Direttiva Uccelli e dalla Legge Regionale del 1978. Poco numerosa.

CLASSIFICAZIONE SCIENTIFICA:

  • Phylum: Chordata
  • Classe: Aves
  • Ordine: Passeriformes
  • Famiglia: Fringillidae
  • Specie: serinus Citrinella Corsicana

NOME IN SARDO: Canariu areste, canariu de monti, canarieddhu de monti, logarinu.

Martedì, 24 Gennaio 2017 09:34

Muore Attilio Corrias

Attilio Corrias era nato ad Arzana, in Ogliastra, il 13 Aprile del 1904, da Giuseppe e Camilla Monni.

Si diede alla macchia nel 1926, dopo essere stato accusato di una rapina insieme ad altri fuorilegge di Orgosolo e Orani. In pochi mesi diventò il terrore di quelle campagne, compiendo razzie anche nelle zone tra Bonorva e Ozieri.

Era colpito da numerosi mandati di cattura per diversi omicidi, fra i quali del proprietario terriero bonorvese Francesco Porcu, nel Febbraio del 1928. Nel Settembre dello stesso anno aveva commesso un grave danneggiamento nelle campagne di Orani, che aveva suscitato l'indignazione di quella comunità: il giovane arzanese ed i suoi complici aveva scannato, in pieno giorno, ben 400 pecore e 26 mucche.

Sulla sua testa era stata posta una taglia di diecimila lire. Ma la fama criminale di Corrias crebbe a dismisura quando, in quello stesso anno, venne accusato di aver preso parte, insieme agli orgolesi Succu, Liandru e Floris, all'omicidio del maresciallo Colomo, comandante della stazione dei carabinieri di Orgosolo.

La gigantesca caccia all'uomo intrapresa dai carabinieri di Nuoro in seguito all'efferato delitto aveva dato ottimi risultati: Raffaele Floris era stato catturato il 4 Giugno successivo nelle campagne di Ozieri; il 17 Luglio era stato ucciso in un conflitto a fuoco Pietro Liandru ed il 29 dello stesso mese era caduto sotto i proiettili della Benemerita anche Salvatore Succu.

Successivamente i carabinieri appresero dai soliti confidenti che i due superstiti, Santino Succu e Attilio Corrias, molto spesso erano soliti incontrarsi nelle campagne di Orgosolo, spostandosi in continuazione da un sito all'altro, a piedi o a cavallo.

Le indagini per giungere alla loro cattura furono assegnate al capitano Ottorino Baronis, comandante della compagnia di Nuoro, al maresciallo maggiore Giuseppe Meloni, comandante della stazione di Macomer, e al brigadiere Pietro Luna, comandante della stazione di Orgosolo.

Il 2 Novembre 1928, poco prima di mezzogiorno, Baronis venne a sapere l'esatta ubicazione del nascondiglio: la tanca denominata Marrone, nella regione Monte Nieddu di Orgosolo.

La sera stessa i militari raggiunsero la località indicata, dove grazie ai confidenti individuarono il rifugio, occultato da un intricatissimo groviglio di rovi e lentischi, sicchè dall'esterno nessuno poteva individuarlo.

Il maresciallo Meloni ed un carabiniere si appostarono, in ginocchio, a circa 20 metri dal nascondiglio, dietro una grossa pianta di olivastro, con il compito di sorvegliare l'ingresso e di imporre il rituale fermo non appena il bandito fosse passato davanti a loro.

Il capitano e il brigadiere si appostarono dalla aprte opposta, dietro un muretto a secco, in modo da precludere al latitante ogni eventuale tentativo di fuga in quella direzione.

Verso le 21, nonostante una pioggia incessante e l'oscurità della notte, i carabinieri udirono il rumore di alcuni passi e quindi videro due uomini che, uno dietro l'altro, ad una distanza di circa 15 m, procedevano lungo il sentiero verso la postazione del maresciallo. I due avanzavano cautamente ed erano tutti e due armati di moschetto '91, lo stesso fucile in dotazione all'Arma ed altri reparti speciale del regio esercito.

Meloni ed il suo collaboratore intimarono l'alt ai due sconosciuti che, come risposta, aprirono immediatamente il fuoco riuscendo ad allontanarsi di circa 20 metri. Uno dei fuggitivi riuscì a scappare definitivamente, mentre il secondo si trovò di fronte il capitano ed il brigadiere. Appena li vide non esitò a sparare, ma venne a sua volta ferito a morte dai proiettili dei militari.

Si trattava del giovane latitante di Arzana, il quale, oltre al fucile, venne trovato in possesso di un lungo coltello a serramanico, di un potente binocolo e di numerose cartucce.

Con l'uccisione di Attilio Corrias l'Arma aveva chiuso, quasi definitivamente, nel giro di pochi mesi, la partita contro i presunti responsabili dell'omicidio del maresciallo Colomo.

Questa vicende, si legge in rapporto dell'epoca, "produsse un senso di generale sollievo e fu motivo di espressione di plauso per l'Arma da parte delle popolazioni e delle autorità".

Ai militari che avevano partecipato all'azione venne concessa la medaglia di bronzo al valor militare.

 

Dal libro "SARDEGNA CRIMINALE" di Giovanni Ricci.

Sabato, 21 Gennaio 2017 17:50

Duru duru signora Pipiola

Duru duru signora Pipiola

bosu seis solas
solas in sa mesita
no eis papau calcheduna cosa.

No appu papau niente niente
solu che un'ampudda de aquardente
e una carrada de binu biancu
po no mindi 'enni s'anima de mancu.

S'anima de mancu a su dromidorgiu
papau m'inci appu unu bellu accisorgiu
e unu molenteddu beni domau
e deu fattu m'appu unu cibuddau

unu cibuddau de trescentus cibuddas
e deu cottu m'appu cinquanta puddas
cinquanta puddas fattas a cassola
duru duru duru signora Pipiola.

Sabato, 21 Gennaio 2017 16:08

A topi 'rdorigau

FILASTROCCA IN SARDO

Bittu mi d'eis

a topi 'rdorigau

d'appu mandau

a mi comprai su inu

e i s'nda buffau

sa metadi in caminu

e i m'a nau

ca fu mali mesurau

bittu mi d'eis

a topi 'rdorigau.

Pagina 2 di 12