fbpx
Domenica, 14 Agosto 2011 15:16

La bardana di Ussassai

Bardanas

 

Nel luglio 1894, il quotidiano "L'Unione Sarda" dedicò un articolo in prima pagina scritto dall'anonimo corrispondente di Seui, alla bardana di Ussàssai.

"... nella notte tra il 23 e il 24 corrente ... nel vicino paesello di Ussassai da una banda armata composta di oltre trenta persone è stata consumata una grassazione a danno del denaroso Lai Caredda Salvatore, detto Prete Lai, al quale è stata tolta una piccola parte del denaro che aveva, £. 4.500 in biglietti, oltre £ 14.000 in cambiali e altri titoli di credito ed il registro dei creditori diversi. Il Lai, vecchio di ottanta anni, assieme alla moglie ha opposto resistenza ed entrambi sono stati gravemente feriti, specialmente il Lai, da una palla al petto e si dispera di salvarlo. sono stati anche martirizzati con delle punture di lesina per costringerli a confessare dove tenevano il danaro..."

L'autorità giudiziaria e i carabinieri guidati dal tenente di Isili, si recarono prontamente sul posto per le constatazioni di legge e le indagini dopo qualche giorno portarono all'arresto di un arzanese. Ma non ci sono informazioni riguardo alla sorte del Lai Caredda e neanche riguardo al recupero del bottino o all'individuazione degli altri membri della banda.

 

Pubblicato in STORIE
Domenica, 14 Agosto 2011 15:15

La bardana di Bari Sardo

Bardanas

L'Ogliastra ha spesso sperimentato gravi atti di cronaca come bardane e grassazioni ma una in particolare, per la crudeltà dell'epilogo, è ancora viva nella memoria degli anziani di Bari Sardo.

Era il 9 marzo 1887 e una banda piuttosto corposa, composta da circa 60 barbaricini entrò nell'abitazione dell'anziana vedova Rita Podda, con lo scopo di portarle via denaro e oggetti di valore.

La donna, nonostante le percosse, rifiutò di segnalare dove fossero nascosti i sui averi, allora i malviventi distrussero tutti i mobili e una statuetta dorata di Santa Rita nella vana speranza di trovare dei valori.

Non rassegnandosi ad andar via a mani vuote, tentarono di convincere la vedova con maniere ancora più estreme addirittura, come ci hanno raccontato: "donandoneddi fogu a culu", costringendola a sedere sopra i carboni accesi di una stufa a legna.

Le sevizie continuarono inutilmente fino a quando i banditi non vennero messi in fuga da 2 carabinieri accorsi in difesa della donna. 
L'intervento delle forze dell'ordine fece una vittima tra i banditi, Serafino Lovico Mereu, orgolese di 35 anni ucciso da una fucilata del milite Biagio Agus. 

Come ci segnalano le cronache dell'epoca: qualche giorno dopo spirò anche la Podda a 67 anni "per le infinite percosse alle quali fu assoggettata con crudeltà e spudoratezza dai banditi".

Tale tragico evento ispirò il poeta Giovanni Ghepardi che pubblicò una lunga poesia

Questa vedova donna poveretta
Trovandosi in man dei malandrini
Ritta Podda dicean sei costretta
Stasera darci a noi tutti i quattrini.
Lei pregava la Vergin benedetta
E lor guardando in tutti i posticini
Guardando tutto e niente hanno trovato
Sotto la donna il fuoco hanno attaccato.

 

Pubblicato in STORIE