Venerdì, 19 Aprile 2013 13:15

ADOTTA UN NURAGHE ®

Scritto da 
Vota questo articolo
(12 Voti)

ADOTTA UN NURAGHE ®

IL PROGETTO

Il territorio dell’Ogliastra, come il resto della Sardegna, è disseminato di emergenze archeologiche di grande pregio che versano in stato di abbandono e che il tempo, con la complicità della vegetazione, ha reso praticamente inaccessibili.

Il progetto Adotta un Nuraghe è nato nel 2013 con l’intento di riscoprire e rendere fruibile questo enorme patrimonio che attualmente è totalmente inespresso.

Finora il progetto è stato realizzato in n. 4 siti

  • Aprile 2013 - Nuraghe de Ponte (Comuni di Lanusei e Ilbono)
  • Aprile 2014 - Nuraghe Sellersu (Comune di Bari Sardo)
  • Maggio 2015 - Necropoli prenuragica e Nuraghe di Tracucu (Comune di Lotzorai)
  • Maggio 2016 - Area archeologica Pranu Iscalas (Comune di Muravera)

In queste 4 edizioni, l’Associazione è riuscita a coinvolgere circa 150 volontari che sotto la supervisione di alcuni soci archeologi, della Soprintendenza per i Beni Archeologici e del Corpo forestale dello Stato, hanno reso accessibili i siti archeologici, razionalizzando la vegetazione, creando i sentieri di accesso, la segnaletica di avvicinamento e la cartellonistica informativa multiligua sia di inquadramento che di dettaglio.

GLI OBIETTIVI

Il progetto ha l’obiettivo di recuperare siti simbolo del patrimonio archeologico nostrano tramite la sensibilizzazione delle comunità ove vengono svolti gli interventi e favorendo la fruizione dei monumenti attualmente abbandonati.

Le opere previste consentono di recuperare intere aree con valenza ambientale-culturale alla pubblica fruizione curandone la pulizia, l’accessibilità e la godibilità.

Da un punto di vista scientifico, invece, si pongono le basi per approfondire lo studio dei monumenti grazie alla restituita leggibilità complessiva e al rilievo multimediale.

Tale attività dovrebbe essere da stimolo per lo sviluppo di ulteriori iniziative culturali ed economiche, quali la promozione e la gestione e lo scavo dei siti archeologici, volte a fornire nuova e duratura linfa ai beni tutelati.

IL MARCHIO

In seguito ad alcuni episodi di utilizzo improprio del nome della manifestazione da parte di altri soggetti con scopo di lucro, l’Associazione ha registrato il marchio presso la Camera di Commercio di Nuoro con n. 1652361.

 

Donazione

SOSTIENI L'INIZIATIVA!

Chi vuole può partecipare direttamente venendoci a dare una mano oppure può sostenerci con una piccola offerta libera

PAYPAL o CARTA DI CREDITO

clicca sul pulsante DONAZIONE

BONIFICO

intestato a Associazione di Promozione Sociale Agugliastra.it

IBAN: IT41L0306967684510727523110

Donazione
 

 

 

I SITI COINVOLTI

SITO 1 - NURAGHE DE PONTE (SU NURAXI) - Comuni di Lanusei e Ilbono

Come prima area archeologica è stata identificata quella posta a confine tra il Comune di Lanusei e quello di Ilbono denominata Nuraghe de Ponte (conosciuto anche come Su Nuraxi).

La prima area di intervento di Adotta un Nuraghe risultava quasi interamente coperta da arbusti e altra vegetazione che non permetteva un agevole accesso al sito e non consentiva di apprezzare la maestosità del monumento.

La realizzazione di questo progetto è stata realizzata nei giorni Sabato 27 aprile e Domenica 28 aprile 2013.

Si ringraziano per la collaborazione:

  • Comune di Lanusei
  • Comune di Ilbono
  • Soprintendenza per i beni archeologici per le provincie di Sassari e Nuoro
  • Corpo forestale dello Stato
  • Ente Foreste della Sardegna
  • Lanusè sistema cultura

SCHEDA DEL SITO

 

SITO 2 - NURAGHE SELLERSU - Comune di Bari Sardo

La seconda area archeologica che la manifestazione Adotta un Nuraghe ha reso fruibile è stata identificata nella zona orientale dell'altopiano di Teccu che si affaccia sulla baia di Cea.

Il paesaggio che si può apprezzare da questo sito è spettacolare.

L'area di intervento era interamente coperta da arbusti, fichi d'india e altra vegetazione che non permetteva di apprezzare la maestosità del monumento.

La manifestazione ha coinvolto circa 80 volontari che in due intense giornate di lavoro hanno creato un sentiero di accesso al sito, ripulito completamente l'area archeologica, che oltre il nuraghe è rappresentata da numerose capanne nuragiche, ed infine posizionata la cartellonistica descrittiva in diverse lingue: sardo, italiano, inglese, spagnolo e tedesco.

La realizzazione di questo progetto è stata realizzata nei giorni Venerdì 25 e Sabato 26 aprile 2014.

L'iniziativa è stata svolta in collaborazione con:

  • Comune di Bari Sardo
  • Gruppo Archeologico Bari Sardo dei Feralis '59
  • Soprintendenza per i beni archeologici per le provincie di Sassari e Nuoro
  • Corpo forestale dello Stato
  • Ente Foreste della Sardegna

SCHEDA DEL SITO

ARTICOLO LA NUOVA SARDEGNA

 

SITO 3 - NECROPOLI PRENURAGICA E NURAGHE DI TRACUCU - Comune di Lotzorai

La terza area archeologica interessata dalla manifestazione Adotta un Nuraghe è collocata a breve distanza dall'abitato di Lotzorai nella collina di Tracucu.

Il sito è di forte impatto, caratterizzato da un'enorme emergenza granitica sulla quale in epoca preistorica sono state ricavate 15 Domus de Janas e successivamente, in epoca nuragica, è stato edificato un Nuraghe di cui restano le tracce ben visibili sulla sommità della collina. 

L'area di intervento era stata già oggetto di interventi di valorizzazione da parte dell'Amministrazione Comunale di Lotzorai che aveva tracciato un sentiero di comunicazione tra le domus de janas 

La manifestazione ha coinvolto circa 40 volontari che in una giornata di lavoro hanno ripulito completamente l'area archeologica, che oltre il nuraghe è rappresentata da 15 domuns de janas, ed infine posizionata la cartellonistica descrittiva in diverse lingue: sardo, italiano, inglese, spagnolo e tedesco.

La realizzazione di questo progetto è stata realizzata nei giorni Sabato 16 maggio 2015.

L'iniziativa è stata svolta in collaborazione con:

  • Comune di Lotzorai
  • Associazione culturale Milleidee
  • Soprintendenza per i beni archeologici per le provincie di Sassari e Nuoro
  • Corpo forestale dello Stato
  • Ente Foreste della Sardegna

SCHEDA DEL SITO

SITO 4 - AREA ARCHEOLOGICA PRANU ISCALAS - Comune di Muravera

La quarta area archeologica che la manifestazione Adotta un Nuraghe ha reso fruibile è stata identificata nel territorio di Muravera dove i grandi pascoli della famiglia Demurtas (Azienda Agricola Coile Scalas) custodiscono il misterioso insediamento di Pranu Iscalas.

L'area di intervento era interamente coperta da arbusti, fichi d'india e altra vegetazione che non permetteva di apprezzare la maestosità del monumento.

La manifestazione ha coinvolto circa 30 volontari che in una giornata di lavoro hanno creato un sentiero di accesso al sito, ripulito completamente l'area archeologica, ed infine posizionata la cartellonistica descrittiva in diverse lingue: sardo, italiano, inglese, spagnolo e tedesco.

La realizzazione di questo progetto è stata realizzata nei giorni Domenica 29 Maggio 2016.

L'iniziativa è stata svolta in collaborazione con:

  • Comune di Muravera
  • Azienda Agricola Coile Scalas
  • Associazione Casa Lussu di Armungia
  • Associazione Terra è Libertà di Muravera
  • Terra Mea di Cagliari
  • Cooperativa 3D di Armungia
  • Soprintendenza per i beni archeologici per le provincie di Cagliari e Oristano

SCHEDA DEL SITO

 

Letto 6325 volte Ultima modifica il Venerdì, 03 Marzo 2017 12:37